EDUCAZIONE ALIMENTARE

 
NUTRIZIONE OLISTICA E CONSAPEVOLE: CIBO, EMOZIONI, MENTE E COMPORTAMENTI
 
Oggigiorno il benessere e in particolare l'alimentazione sono argomenti di cui si parla moltissimo più o meno correttamente, da fonti più o meno accreditate, ma comunque se ne parla e questo è un dato importante. 
Vuol dire che abbiamo compreso che lo stile di vita è responsabile del nostro stato di salute o malattia, indipendentemente dalla genetica (epigenetica).
 
L'informazione però può essere fuorviante, può generare confusione:
 ''la carne fa bene o fa male?''
 ''bevo latte o non bevo latte?''.. e si potrebbe continuare con altri esempi.
 
Qui c'è un equivoco di fondo: non è necessaria per essere in salute l'eliminazione totale di nessun alimento.
 
Primo perchè l'alimentazione non è fatta di un solo cibo ma di combinazioni di alimenti assunti più volte al giorno tutti i giorni; secondo non esiste un cibo talmente tossico da essere  responsabile di tutti i nostri guai, come non esiste un cibo altrattanto miracoloso da risolvere ogni problema.
 
L'informazione sopratutto in questa era della globalizzazione può risultare contraddittoria con il risultato che nell'incertezza del cosa fare, non si fa niente. In realtà per cominciare a ''FARE'' ci bastano poche informazioni, semplici, corrette, ben organizzate e sostenute da anni da studi: la bella notizia è che queste informazioni sono già in nostro possesso e fanno parte della nostra tradizione, bisogna solo recuperarle.
Stiamo parlando della DIETA MEDITERRANEA alle sue origini (procamata nel 2010 patrimonio culturale immateriale dell' umanità dall'UNESCO e ripresa dalle linee guida del WCRF)
 
Tutti gli studi, infatti, sono concordi nell' affermare che la dieta mediterranea preservi dalle malattie del mondo occidentale e potenzi. le nostre capacità fisiche e cognitivo/comportamentali.
 
Questo si conosce dagli anni '50  con lo studio Seven Countries Study  ideato e coordinato dal biologo statunintense Ancel Keys che evidenziò come gli abiatnti di Creta avessero un'incidenza di malattie cardiovascolari inferiore a tutte le altre nazioni partecipanti allo studio e che questo fosse imputabile allo stile di vita che includeva oltre all'alimentazione la qualità di relazione sociali e i digiuni religiosi.
 
Da dove cominciare quindi?  Dalla scelta delle materie prime per esempio: scegliere prodotti biologici, a Km zero, consumare poca carne, zuccheri e farine raffinate, molto pesce, in particolare quello azzurro, molta frutta e verdura di stagione, legumi e cereali integrali. 
 
È importante inoltre ricordare che l' alimentarsi non è solo soddisfare un bisogno fisico, di sopravvivenza ma sottintende anche una serie di condizionamenti psicologici, culturali e sociali che insieme determinano il comportamento alimentare di ogni singola persona.
 
È proprio per questi motivi che anche in un percorso di educazione alimentare bisogna tener presente la storia individuale della persona e individuare insieme, in un clima di ascolto e accoglienza reciproco quel piccolo cambiamento da introdurre nella quotidianità che nel tempo porterrà grandi frutti non solo sul piano fisico ma anche emozionale, mentale e spirituale.

 
Nella pratica quotidiana avere una corretta alimentazione significa mangiare in 
Scelte consapevoli che migliorano il benessere fisico, psichico,fanno bene all'ambiente che ci ospita e ci ricollegano al ritmo della natura a cui, dimenticandocene, siamo collegati dalle medesime leggi.

 

                                                                                            
Dott.ssa Flaviana Betti

CENTRO DI RICERCA KY DI LUCA BENELLI 
Via Chiaramonti, 12 (interno 7) - 47521 CESENA (FC) tel. 329 3731012 - www.centrodiricercaky.it
C.F BNLLCU71B16I304H - P. IVA 03408570400
facebook-centro-ky-anews-centro-di-ricerca-ky

Questo sito utilizza unicamente cookie per migliorare la vostra esperienza navigazione sul sito. Per informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra politica sulla privacy.

Se continui la tua navigazione di questo sito, significa che stai accettando i cookies in esso contenuti.