Cristalloterapia

Il potere dei cristalli deriva dalla loro struttura atomica perfettamente ordinata nelle tre dimensioni dello spazio che si traduce in un elevato equilibrio materiale, strutturale ed energetico. In base alla propria struttura, ogni cristallo emette una vibrazione con una particolare frequenza che riordina e riequilibra tutti i processi energetici con i quali entra in risonanza. La Cristalloterapia si basa sulla conoscenza e sull'utilizzo delle interazioni tra i cristalli e i processi energetici che stanno alla base della vita, interazioni che possono essere sfruttate per aiutare le persone, migliorare gli ambienti, facilitare i rapporti che ogni individuo ha con se stesso e con il mondo esterno. Le affinità energetiche tra i cristalli e i centri energetici del corpo umano consentono di utilizzare le vibrazioni dei cristalli per filtrare l'energia dei chakra, riallinearla e riordinarla secondo una struttura equilibrata. I cristalli scelti dal cristalloterapeuta vengono applicati nelle zone da trattare, in corrispondenza dei centri energetici interessati da uno squilibrio, seguendo schemi e procedure particolari.

► Effetti e benefici
I cristalli possono essere utilizzati per riequilibrare tutti i campi dell'esistenza e come supporto ad altre pratiche energetiche e terapie naturali.

► Origini e storia
L'uso rituale delle pietre e dei cristalli è di origine antichissima e può essere ritrovato in tutte le epoche, culture e tradizioni.

Fonte www.olisticmap.it

Torna a Riequilibrio Bioenergetico

CENTRO DI RICERCA KY DI LUCA BENELLI 
Via Chiaramonti, 12 (interno 7) - 47521 CESENA (FC) tel. 340 3752985 - www.centrodiricercaky.it
C.F BNLLCU71B16I304H - P. IVA 03408570400
facebook-centro-ky-anews-centro-di-ricerca-ky

Questo sito utilizza cookie per migliorare la vostra esperienza navigazione sul sito. Per informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra politica sulla privacy.

Se continui la tua navigazione di questo sito, significa che stai accettando i cookies in esso contenuti.